Una minaccia alle donne negli Stati Uniti o in Medio Oriente è una minaccia alla libertà ovunque

caret-down caret-up caret-left caret-right

L'accademica ebrea americana ed esperta dell'Olocausto Deborah Lipstadt si rivolge alla Commissione per le Relazioni Estere del Senato. Foto: Reuters/Sipa USA/Rod Lamkey

Sebbene ad alcuni sia sfuggito, lunedì scorso il principale organo di informazione Arab News ha pubblicato una prima pagina straordinaria.

L'articolo di apertura a pagina 1 è titolato con una fotografia che mostra la principessa Reena Bint Bandar Al Saud, ambasciatrice dell'Arabia Saudita negli Stati Uniti, mentre stringe la mano alla dottoressa Deborah Lipstadt, inviata speciale degli Stati Uniti per la lotta all'antisemitismo. Le due donne hanno sorriso e sono rimaste in piedi insieme, un potente simbolo di rispetto reciproco e un'indicazione dell'avanzamento delle donne nella diplomazia globale. È un momento che deve essere apprezzato da americani e sauditi, musulmani ed ebrei, soprattutto dalle donne.



Purtroppo, sullo stesso giornale e sulla stessa prima pagina, è apparsa un'altra storia, più tragica. Si trattava di un servizio sul presunto autore di un femminicidio che si era sparato per evitare l'arresto e il processo da parte della polizia. L'autore avrebbe preso di mira e ucciso Iman Ersheid, una studentessa di infermieristica di 18 anni in Giordania, perché aveva rifiutato la sua proposta di matrimonio. La sua morte, un atto di femminicidio, è tutt'altro che un incidente isolato in Medio Oriente e nel mondo.

Il femminicidio si riferisce agli omicidi in cui l'autore prende di mira la vittima a causa della sua identità di genere femminile; è l'atto mortale di violenza contro le donne o le ragazze, a volte definito "delitto d'onore", in cui gli autori tolgono la vita ai loro parenti di sesso femminile perché non approvano le loro azioni, decisioni e comportamenti percepiti. Alcuni esempi che StopFemicideIran ha rintracciato solo in Iran sono la ragazza che ha rifiutato un matrimonio forzato, la donna che ha chiesto il divorzio, la ragazza o la donna che non si è comportata in modo "modesto", la bambina che guardava la televisione ad alto volume o la sposa novella a cui è stato detto che aveva l'alito cattivo.

Tali motivazioni sembrano inconcepibili agli osservatori occidentali, ma nella maggior parte dei Paesi in cui vengono commessi tali crimini, gli autori sono protetti da doppi standard legali che considerano le donne inferiori alle loro controparti maschili. La permissività di queste leggi e la mancanza di deterrenza contribuiscono al problema. Ma la disuguaglianza di fronte alla legge non è l'unica responsabile del disarmo delle donne.

La dinamica di potere sproporzionata tra uomini e donne, che sia sancita o meno dalla legge, crea ambienti in cui le donne sono costrette a bilanciare la loro autonomia con l'accettazione sociale. In questi ambienti, che non sono solo geograficamente limitati al Medio Oriente, le donne devono pensare a come vestirsi (per non essere viste come promiscue), a come parlare (per non sembrare troppo autoritarie), a come lavorare (per non mettere in pericolo la propria vita) e persino a fare scelte matrimoniali e riproduttive che soddisfino le aspettative sociali.

Le società patriarcali hanno da tempo costretto le donne di tutto il mondo a soppesare le loro esigenze personali rispetto alle aspettative sociali. Se è vero che le donne hanno fatto progressi in molti settori, la storia ci ha dimostrato che questi progressi sono fragili. Abbiamo visto più volte che i progressi compiuti dalle donne possono essere annullati con un voto. La recente decisione Roe V. Wade è una tale battuta d'arresto.

Eppure molti non riescono a vedere il quadro generale. La perdita dei diritti riproduttivi negli Stati Uniti non riguarda solo le donne americane, ma incoraggia anche i leader misogini di tutto il mondo a giustificare le loro politiche e i loro comportamenti sessisti - che si tratti dell'hijab obbligatorio in Iran, delle mutilazioni genitali femminili in Yemen o in Iraq, della lapidazione pubblica delle donne in Afghanistan o del femminicidio in Giordania o altrove nel mondo. Come ha detto il Segretario di Stato Hillary Clinton nel 2017, i diritti delle donne sono diritti umani.

Il femminismo ha gettato gran parte delle basi per l'avanzamento delle donne nella vita pubblica negli ultimi sessant'anni. Le donne di coraggio hanno aperto la strada all'ambasciatore Lipstadt e alla principessa Bandar per lavorare insieme e guidare un movimento globale per la tolleranza. Tuttavia, le minacce perniciose alla vita e alla libertà delle donne di tutto il mondo, in particolare quelle del Medio Oriente, devono avere la priorità nell'agenda femminista globale. Con i diritti e la sicurezza delle donne a rischio, il movimento femminista deve scrivere un nuovo capitolo di unità e solidarietà globale, e non fermarsi qui.

Marjan Keypour Greenblatt è un'attivista per i diritti umani e fondatrice di StopFemicideIran.org e ARAMIran.org. È ricercatrice presso il Middle East Institute e membro della Task Force dell'ADL per le minoranze del Medio Oriente.

Cos'è un delitto d'onore?

Un delitto d'onore è un delitto d'onore in nome dell'onore. Se un fratello uccide la sorella per restituire l'onore alla famiglia, è un delitto d'onore. Secondo gli attivisti, i motivi più comuni per i delitti d'onore sono come vittima:

Domande sui delitti d'onore

  • rifiuta di cooperare in un matrimonio combinato.

  • vuole terminare la relazione.

  • è stata vittima di uno stupro o di una violenza sessuale.

  • è stato accusato di avere una relazione sessuale al di fuori del matrimonio.

Gli attivisti per i diritti umani credono che ogni anno vengano commessi 100.000 delitti d'onore, la maggior parte dei quali non vengono denunciati alle autorità e alcuni vengono persino deliberatamente coperti dalle autorità stesse, ad esempio perché i colpevoli sono buoni amici dei poliziotti, dei funzionari o dei politici locali. La violenza contro le ragazze e le donne rimane un problema serio in Pakistan, India, Afghanistan, Iraq, Siria, Iran, Serbia e Turchia.

Posted in Delitto d'onore, Indagine and tagged , .