Omicidio d'onore a Nogent-sur-Oise: uomo a processo per aver accoltellato a morte il fidanzato della figlia

caret-down caret-up caret-left caret-right
Julien Videlaine
Nato nel 1995
accoltellato a morte: 24 luglio 2014
Residenza: Nogent-sur-Oise
Origine: vittima: Francese/Algerino, autore: turco/curdo
Figli: Nessuno
Autore: Muhittin U.
Per due anni, il franco-algerino Julien Videlaine (19 anni) e il curdo Nuzan U. (19 anni) hanno vissuto un amore nascosto. Si sono incontrati nel 2012 davanti alla scuola secondaria Marie-Curie di Nogent-sur-Oise, una città a 50 chilometri a nord di Parigi.

Julian frequentava l'ultimo anno e si stava preparando per entrare nell'esercito come meccanico presso la base militare di Creil (Oise). Nuzan stava lavorando a un diploma di estetista. L'attrazione tra i due era forte e la loro relazione prese presto una piega seria. Volevano sposarsi e avere dei figli, ma Nuzan temeva la reazione del padre a causa delle differenze culturali. Julian era giovane e pensava che l'amore avrebbe prevalso.

Gli amanti si incontravano in segreto e coglievano ogni occasione per passare del tempo insieme senza destare sospetti. Il 24 luglio 2014, il proprietario del ristorante Muhittin U., padre di Nuzan, aveva annunciato che non sarebbe tornato fino a tarda sera. La madre, i fratelli e le sorelle di Nuzan si recarono in Belgio per una visita di famiglia. Alla fine del pomeriggio, Julian arrivò a casa della sua ragazza. La giovane coppia decise di fare un bagno. Ma mentre facevano il bagno, furono allertati da un rumore proveniente dal piano di sotto.

19 ferite da taglio

Nuzan esce dalla vasca, ascolta e si accovaccia per guardare sotto la porta. Vede il padre in corridoio. Le chiede di raggiungerlo al primo piano. Lei è in preda al panico. Julien ha lasciato i suoi vestiti in camera e lei deve nasconderli prima che lui li veda. Ma quando esce nel corridoio, Muhittin U. appare con un coltello in mano e aggredisce Julien. Nuzan cerca di intervenire, ma viene ferita alla mano. Muhittin continua a colpire, poi si ferma, scende le scale, mette il coltello in cucina e scappa.

In stato di shock, Nuzan grida aiuto. Alle 19.10 la polizia e i vigili del fuoco sono entrati in casa e sono andati in bagno. Hanno scoperto Julien in posizione seduta, con le ginocchia piegate al petto e la testa tra le gambe. Era nudo, coperto di sangue e il suo corpo era trafitto su tutti i lati. Era stato pugnalato 19 volte, tre delle quali al cuore. Alla polizia, Nuzan ha descritto l'omicidio del fidanzato da parte del padre e ha spiegato che questi era fortemente contrario alla sua relazione con Julien, che non era di origine curda, come lei. L'anno prima, un compagno di classe aveva informato il padre della relazione. Muhittin le aveva quindi confiscato il cellulare e l'aveva minacciata di morte se avesse continuato a frequentare il giovane franco-algerino. La madre aveva pensato di mandarla in Turchia per trovare marito.

Muhittin è fuggito in Turchia. Secondo le informazioni raccolte dagli investigatori, viveva nella zona di Batman, una regione al confine con la Siria, di cui era originario. Nonostante l'accuratezza di queste informazioni e l'emissione di un mandato d'arresto internazionale il 9 settembre 2014, per mesi non è successo nulla.

Claude Videlaine, padre di Julien, a nome della famiglia, ha chiesto alle autorità francesi di fare pressione sulla Turchia "affinché l'assassino di nostro figlio venga arrestato". Nei quattro anni successivi, sempre più membri della famiglia si mobilitano per lanciare nuove azioni per ottenere giustizia per Julien. Nel maggio 2018 la Turchia arresta Muhittin.

"Un ladro"

Agli investigatori, Muhittin nega di aver commesso un crimine a causa dell'onore. Il 24 luglio 2014, preoccupato per la figlia che non rispondeva al telefono, decise di recarsi rapidamente a casa sua per assicurarsi che stesse bene. Entrando in casa, sente urlare dal piano di sopra. Riconosce la voce di Nuzan e sente anche una voce maschile. Pensando che fosse stata aggredita, prende un coltello dalla cucina e sale al piano di sopra. Poi va in bagno e si trova di fronte un uomo nudo. "Per lui si tratta di un ladro", dice il suo avvocato Franck Berton. Muhittin ha pensato che l'uomo stesse cercando di abusare sessualmente di sua figlia e dice di aver "perso il controllo" e di aver colpito Julian Videlaine con il coltello. Muhittin ha dichiarato di non essere a conoscenza della relazione della figlia con Julian, che non aveva mai visto.

Di fronte alle dichiarazioni del padre, Nuzan ha fatto marcia indietro sulle sue precedenti affermazioni e ha ammesso che il padre non aveva mai sentito parlare del suo ragazzo.

Il processo penale per omicidio di Muhittin inizierà il 19 settembre 2022.

Cos'è un delitto d'onore?

Un delitto d'onore è un delitto d'onore in nome dell'onore. Se un fratello uccide la sorella per restituire l'onore alla famiglia, è un delitto d'onore. Secondo gli attivisti, i motivi più comuni per i delitti d'onore sono come vittima:

Domande sui delitti d'onore

  • rifiuta di cooperare in un matrimonio combinato.

  • vuole terminare la relazione.

  • è stata vittima di uno stupro o di una violenza sessuale.

  • è stato accusato di avere una relazione sessuale al di fuori del matrimonio.

Gli attivisti per i diritti umani credono che ogni anno vengano commessi 100.000 delitti d'onore, la maggior parte dei quali non vengono denunciati alle autorità e alcuni vengono persino deliberatamente coperti dalle autorità stesse, ad esempio perché i colpevoli sono buoni amici dei poliziotti, dei funzionari o dei politici locali. La violenza contro le ragazze e le donne rimane un problema serio in Pakistan, India, Afghanistan, Iraq, Siria, Iran, Serbia e Turchia.

Posted in Delitto d'onore, Indagine, informatore, Turchia and tagged , , .