Testimonianza 227 nel caso dell'omicidio di Narges Achikzei

caret-down caret-up caret-left caret-right
Funzionario
L'agente MDNDR010 della polizia di Zeist, che si era occupato della falsa denuncia di Narges Achikzei nel febbraio 2009, si sente terribilmente offeso e chiede che Ralph Geissen sia condannato per ingiuria, calunnia e diffamazione: (...) Lavoro come agente capo della polizia Midden-Nederland nella squadra di base BES a Baarn (...)

Dopo aver ricevuto queste informazioni da questo collega, l'11 gennaio 2017 ho cercato il mio nome su Google. Ho poi trovato un video con il mio nome su YouTube tramite il collegamento ipertestuale precedentemente menzionato. Quel video mostra la stessa foto di me, come quella inviata da Ralph Geissen al collega di polizia MDNDR013 il 6 gennaio 2017.

Il 6 febbraio 2009 ho redatto un rapporto ufficiale sui risultati dell'interrogatorio del sospetto Ralph Geissen. Questo verbale è stato pubblicato su YouTube da una persona a me sconosciuta. Il video di YouTube mostra innanzitutto una foto del mio volto con un berretto blu da poliziotto. La foto proviene dal mio account Facebook. La persona che ha preso la mia foto da Facebook senza il mio permesso ha ritoccato la foto e ha aggiunto il berretto della polizia. Con la presente presento un'immagine e un testo di quella foto, nonché il rapporto ufficiale pubblicato su YouTube, che è allegato a questo rapporto.

Il testo sotto la mia foto recita:
L'agente corrotto MDNDR010 della Polizia di Zeist ha mentito affinché l'ex datore di lavoro della truffatrice Narges Achikzei fosse perseguito dalla Procura della Repubblica per calunnia, diffamazione e stalking via e-mail. Quando Narges è stata cosparsa di benzina e data alle fiamme dalla sorella di un amico del suo ex marito. Poiché voleva sposare un uomo di sua scelta ed era innamorata di un olandese, la polizia ha inventato la gelosia come movente per coprire corruzione, frode e delitti d'onore. Per quell'olandese, Ralph Geissen intendeva se stesso.

Poco dopo essere stato ascoltato, il sospetto aveva pubblicato su Internet un articolo in cui si parlava di me come di un corrotto. Non solo io, ma l'intero corpo di polizia di Zeist era considerato corrotto. L'aveva messo sul suo sito web, expirationweb.nl, di lavoro. Era un sito pubblico.

(...) In seguito Ralph Geissen iniziò una campagna diffamatoria contro la polizia e contro di me. Disse che ero una poliziotta corrotta che aveva distorto la verità e che sarei stata indirettamente responsabile dell'omicidio di Narges Achikzei.

(...) Ralph Geissen ha scritto a MDNDR013 di aver pubblicato il video su Internet. Geissen ha già fatto commenti negativi simili su di me su siti internet pubblici. In questo video di YouTube c'è anche un mio rapporto sulle scoperte, tratto dal fascicolo del suo caso.

Venerdì 6 gennaio 2017 ha quindi inviato un'e-mail a un collega della polizia con la stessa identica foto di me che indossavo il berretto della polizia. Questa è la stessa foto che è stata pubblicata su YouTube. Il 10 gennaio 2017, il video su di me è stato pubblicato su YouTube con la stessa foto.

L'indirizzo e-mail del mittente dell'e-mail al mio collega è geissen@gmail.com.

Trovo estremamente offensivo e lesivo il fatto che l'imputato mi abbia denigrato in questo modo sui media con una foto presa dal mio Facebook. La vivo come una gravissima e violenta violazione della mia privacy e, inoltre, danneggia la mia reputazione di agente. Chiunque cerchi il mio nome su Google potrà vederlo e leggerlo. Il signor Geissen sta diffondendo grandi bugie e insulti sul mio conto.

Pubblicato in Assassinio Narges Achikzei, Autorità olandesi, Indagine, informatore, Innovazione e taggato , , , , , .