La storia del delitto d'onore

Rabiya A. nato: 1992
Tentato omicidio: 26 dicembre 2013
Residenza: Landau
Origine: Turchia
Bambini: 1 bambino
Perpetratore: suo marito Fatih (22 anni)
Rabiya e Fatih si conosceranno attraverso internet nell'estate del 2012. La sua famiglia ha probabilmente delle riserve. Pertanto, Fatih "rapisce" mezzo anno dopo la sua sposa in Turchia per il matrimonio.

In aprile 2013 i due si trasferiranno in un appartamento condiviso a Landau. Fatih è un magazziniere e violento. Rabiya incinta torna dai suoi genitori. Tre mesi dopo ritorna da suo marito. Il giorno di Santo Stefano 2013 la strangola fino a farle perdere i sensi e poi le pianta un coltello da macellaio nella schiena 6 volte.

Con la figlia di allora di tre mesi, Fatih va da uno zio (41) e confessa il crimine. Vanno all'appartamento e chiamano l'ambulanza.

In controtendenza, Rabiya sopravvive. L'arma del delitto è stata presa dalla sua schiena all'ospedale.

Fatih è stato condannato a 11 anni di reclusione per tentato omicidio nell'autunno del 2014. La relazione psichiatrica parla di tendenze antisociali - ma è piena di sensi di colpa. Fatih ha detto allo psichiatra che sua moglie non meritava di vivere.

Anche se la sentenza è definitiva, il caso sarà richiamato nel 2015. Riguarda la durata della detenzione e la detenzione preventiva condizionale. Fatih dice che la frase è troppo lunga per lui. Nel frattempo il matrimonio è stato sciolto.

Il giudice chiarisce che ci sarebbero state buone ragioni per una condanna a vita. Tuttavia, se la difesa viene riesaminata, la pena non può essere aumentata. Rimane quindi a 11 anni di reclusione per un omicidio quasi compiuto e la riserva della custodia preventiva. Non è improbabile che Fatih sarebbe un pericolo per sua figlia se non vivesse secondo la sua volontà.

Posted in Delitto d'onore, Indagine, Innovazione and tagged , , , , .