Historia de asesinatos de honor

Hanaa S.
nato: 1980
assassinato: 21/22 aprile 2015
Posizione: Solingen
Origine: Iraq / Curdi / Jesides
Bambini: 3 figli propri e 3 del marito
Perpetratori: il marito Salim (41), il cognato (24) e il figlio (17)
Hanaa è stata sposata con la forza all'età di 15 anni dal suo clan Yezidi in Iraq. Più tardi vive con il marito e i 3 figli a Düsseldorf. Hanaa si prende anche cura di 3 figli dal primo matrimonio di suo marito. Si dice che sia tenuta come schiava. Oltre ad essere picchiata dal marito, è controllata dal capo della famiglia Yezidi in Iraq.

Quando lei si lascia, il marito inizia a perseguitarla. Vive più volte nel rifugio delle donne. Su consiglio della polizia, si trasferisce a Solingen. I figli rimangono nella famiglia del marito.

Dal suo appartamento Hanaa sarà rapita il 21 aprile 2015, probabilmente arrotolata in un tappeto.

In primo luogo, 6 uomini e 1 donna della famiglia vengono temporaneamente arrestati.

In agosto, il cognato ventiquattrenne di Hanaa - fratello dell'ex marito - viene arrestato con un mandato di cattura internazionale in un aeroporto della Croazia e portato in Germania. Possiede un chiosco a Düsseldorf.

In novembre il figlio diciassettenne di Hanaa viene arrestato come secondo sospettato. Nonostante un'ampia perquisizione, il corpo non è stato ancora trovato. Nel gennaio 2016 si dice che il pubblico ministero farà causa ai sospetti anche senza il corpo. A marzo, il programma televisivo XY riferisce che il caso non è ancora stato risolto.

Nel giugno 2016 inizierà il processo di 5 membri della famiglia presso il tribunale regionale di Wuppertal: Il marito di Hanaa, il figlio maggiore, i due fratelli e la sorella. Essi avrebbero pianificato e commesso insieme l'omicidio di Hanaa. Nell'aula di tribunale il figlio indossa una maglietta con un teschio e delle ossa incrociate stampate sopra.

In ottobre, un uomo arabo testimonia. Stava gironzolando nel chiosco gestito dalla famiglia. In una conversazione, hanno confessato l'omicidio.

Nel giugno 2017, dopo 69 giorni di processo, uno degli imputati ha accettato di mostrare il luogo in cui è stato sepolto il corpo.

In giugno il cognato arrestato in Croazia confessa l'omicidio. Con il suo aiuto il corpo viene ritrovato in luglio in una foresta vicino alla città di Kronau, nel Baden settentrionale.

Nel gennaio 2018 il cognato è condannato all'ergastolo come principale responsabile. Il figlio di Hanaa riceve una condanna giovanile di 9 anni e 6 mesi. Il marito della vittima e un altro cognato si beccano 10 anni e 6 mesi per complicità. La sorella del marito è stata assolta. Il tribunale sottolinea che i due uomini più giovani sono stati scelti dalla famiglia per commettere il reato.

Posted in Delitto d'onore, Indagine, Innovazione and tagged , , , , .